Ele invasion

giovedì 4 agosto 2011

...dove incontro un leprotto...

8 commenti:

  1. il leprotto vestito così mi ricorda tanto un tagliaboschi XD

    Che scatto!!

    RispondiElimina
  2. Il leprotto mi ricorda tanto un utente...

    RispondiElimina
  3. Il leprotto mi ricorda tanto che ho fame...

    RispondiElimina
  4. Il leprotto mi ricorda di ricordarti che la mia email è: mmmyeo[et]gmail.com =^.^=

    RispondiElimina
  5. @Kyacchan: perché in realtà è un leprotto di montagna che per hobby fa il boscaiolo!

    @Frozenskin: perché in realtà il leprotto si collega con la conessione wi-fi dall'inferno.

    @Gatto del Cheshire: perché in realtà il leprotto è molto buono al forno con le patate :P

    @Gatto: perché in realtà il leprotto è un bravo ragazzo!

    RispondiElimina
  6. AIUTOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOO!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!

    RispondiElimina
  7. Interessante la trasformazione finale. Mi ricorda le ultime vignette di "299+1" di Leo Ortolani, con gli Spartani diventati ombre che marciano agli inferi dopo la morte gloriosa.

    In questo caso l'ombra in fuga ci ricorda che i nostri protagonisti sono defunti che si muovono in un Inferno fatto a scale.

    Bella scena!

    RispondiElimina
  8. @Leprotto: se fossi in te non griderei così tanto...

    @Il lago dei misteri: grazie per la tua analisi così rigorosa, fin troppo forse per una striscia fatta senza, ehm, alcuno studio approfondito sotto.
    Mi inchino per questo accostamento a Leo Ortolani. Se il grande maestro dovesse passare per codeste pagine, un giorno, è autorizzato a prendere questa vignetta come un omaggio (involontario, tra l'altro, ma non diciamoglielo!).

    RispondiElimina